Nuovo balletto di dirigenti in Provincia. Se ne vanno Vignati e Bergonzi

12 Luglio 2013

Nuovo “balletto” di dirigenti in Provincia, comunicato alla giunta provinciale oggi dal presidente della Provincia, Massimo Trespidi. Tutto resta da confermare e la nuova “mappa” dei dirigenti potrebbe cambiare ancora, ma tra le novità più importanti spicca l’uscita volontaria del dirigente al bilancio Marco Vignati (il dirigente dell’ex assessore Paolo Passoni, dimessosi a maggio) e il possibile addio alla Provincia di Domenico Bergonzi come capo di gabinetto del presidente per approdare, stando alle indiscrezioni, a un ruolo di coordinamento della segreteria del Pdl. Al posto di Bergonzi subentrerebbe il comandante di polizia provinciale Anna Olati, mentre l’incarico di Vignati sarebbe ricoperto da Antonella Dosi. La decisione del presidente avrebbe causato più di un malumore all’interno dei partiti di maggioranza (Pdl, Lega Nord, Fratelli d’Italia e Udc) soprattutto legati a una mancata condivisione della decisione di Trespidi, mettendo a rischio anche il numero legale nel consiglio provinciale convocato per lunedì pomeriggio.

Da corso Garibaldi, una nota ufficiale, dove si chiarisce che la riorganizzazione prevede la riduzione dei settori da sette a quattro, così suddivisi: risorse umane, finanziarie e patrimoniali, sistemi informativi e statistici e innovazione tecnologica (che vedrebbe in prima linea per l’incarico la Dosi); formazione e Lavoro, servizi alla persona e alla comunità (per questo incarico sarebbero in “corsa” due dirigenti, Manuela Moreni o Carla Scibilia); agricoltura, edilizia, viabilità, turismo e cultura (settore che probabilmente sarà affidato a Bianca Rossi); sviluppo economico, pianificazione e programmazione territoriale, ambiente e urbanistica (settore affidato a Vittorio Silva). Il compenso dei dirigenti, attualmente, varia tra i 58mila euro agli 85mila euro annui.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà