Gioco d’azzardo: Italia dei Valori raccoglie firme anche a Piacenza

03 Agosto 2013


E’ partita anche a Piacenza la raccolta di firme promossa dall’Italia dei Valori per raccoglierne almeno 50.000 necessarie per presentare, in Parlamento, una proposta di legge d’iniziativa popolare contro tutti i giochi d’azzardo diversi da quelli tradizionali come le lotterie nazionali, il lotto nelle sue varie forme, e il totocalcio.
“Vogliamo bloccare quella che è diventata una piaga sociale, una vera e propria patologia che interessa un numero impressionante di cittadini – hanno detto i rappresentanti – l’Italia è al primo posto in Europa per il numero di giocate a dimostrazione di come nei momenti di crisi la gente vuole tentare la fortuna: non si gioca più per divertimento ma per disperazione. La disperazione di coloro che sperano di poter cambiare vita, vendendo anche i propri averi, riducendo se stessi e le proprie famiglie sul lastrico, indebitandosi o commettendo crimini per procurarsi il denaro necessario per le puntate”.

I dati sembrano dare ragione a Italia dei Valori: il gioco d’azzardo è la terza impresa del Paese per volume d’affari, il fatturato legale è pari a 76,1 miliardi, l’Italia è al primo posto in Europa per quantità di giocate e al terzo nel mondo, lo Stato ricava 8 miliardi di tasse ma ogni anno sono necessari circa 6 miliardi per le cure dei soggetti dipendenti dal gioco.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà