Caccia alla volpe, 2.600 “no” su Facebook. La Provincia: “È prevenzione”

9 ottobre 2013

20131009-173843.jpg

Oltre 2.600 persone dicono no all’abbattimento di 239 capi di volpe rossa sul territorio piacentino; sulla pagina Facebook, nata per sostenere l’iniziativa, le adesioni sono in costante aumento ed è partita una raccolta firme spontanea tra i cittadini per opporsi al provvedimento stabilito dalla provincia di Piacenza.
L’obiettivo è bloccare la cattura di selezione alla volpi, programmata per dicembre e considerata una misura per tutelare l’interesse delle associazioni venatorie: “Ognuno ha il diritto di esprimere la propria opinione, ma c’è stata un po’ di disinformazione su quanto deliberato dalla giunta provinciale – ha spiegato ai microfoni di Telelibertà Manuel Ghilardelli, assessore alla caccia della giunta di via Garibaldi – non abbiamo aperto indiscriminatamente la caccia alla volpe, ma è un atto di prevenzione per i danni provocati dall’alto numero di esemplari di volpe presenti nelle campagne del territorio”.
Ghilardelli oggi pomeriggio ha incontrato i rappresentanti piacentini dei Cobas della caccia che hanno ribadito le richieste che avanzano da tempo, legate alla riduzione da 11 a 4 del numero delle Atc,( Ambito territoriale di caccia), nuovi orari e periodi per la caccia e un generale riordino di quella che è l’attività venatoria sul territorio locale.

20131009-173855.jpg

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca

NOTIZIE CORRELATE