Piacenza

Chiusura Unieuro, proposto un anno in più di cassa integrazione

26 novembre 2013

Gli uffici Unieuro di Piacenza

Un anno in più di cassa integrazione straordinaria, ma accordo ancora lontano sulla buonuscita da riconoscere ai dipendenti che saranno licenziati. È questo in estrema sintesi l’esito dell’incontro fiume che si è tenuto oggi tra i sindacati di categoria e la dirigenza di Unieuro, nell’ambito della vertenza che riguarda la chiusura degli uffici piacentini della società di elettronica. A rischio ci sono 118 colletti bianchi, per i quali era stata proposta una cassa integrazione straordinaria di 12 mesi. Oggi Unieuro e la nuova controllante Sgm hanno spiegato che la cassa straordinaria potrà essere allungata fino a 24 mesi, prendendosi l’impegno a ricollocare almeno il 30% degli esuberi.
Lo scoglio principale resta quindi quello legato agli incentivi da riconoscere ai dipendenti che saranno licenziati, su cui pare ci sia ancora molta distanza tra le parti.
Domani mattina si terrà un’assemblea del personale per discutere proprio delle ultime novità.

Ricordiamo che nell’incontro della scorsa settimana era stata annunciata la salvezza del magazzino Unieuro di Piacenza e degli 80 lavoratori che vi sino impiegati tra diretti e indiretti.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE