Caos normativo, abusivismo, crisi: commercialisti in prima linea

21 Marzo 2014

20140321-191013.jpg

Conta poco più di 400 iscritti l’ordine piacentino dei commercialisti, il 39 percento donne. Il nostro viaggio all’interno degli ordini piacentini giunge dunque alla categoria di chi affianca imprenditori e semplici contribuenti nel momento più complicato di sempre. Una professione che ha subito un forte cambiamento nel corso di questa lunga crisi.
“Il commercialista è sempre più spesso chiamato ad affiancare l’imprenditore per pianificare le linee strategiche – ha detto il presidente – e cercare di affrontare le difficoltà di questo particolare momento”.
Una crisi riassunta al meglio dall’esplosione del numero dei concordati preventivi: dai 6 del 2011 si è passati ai 30 del 2013.
Commercialisti in prima linea dunque e sempre più penalizzati da una legislazione schizofrenica in materia tributaria. Un quadro non certo roseo reso ancor più complicato dal fenomeno dello svolgimento abusivo della professione.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà