Defibrillatore in azienda? Inail vi aiuta. A Piacenza 160 imprese già cardioprotette

21 Marzo 2014

Screenshot - 21_03_2014 , 18_12_59-800

In attesa di una legge precisa Inail ha previsto l’adozione del defibrillatore da parte delle aziende come misura a favore della sicurezza sul lavoro dando la possibilità alle imprese di usufruire delle detrazioni sia per l’acquisto del prezioso strumento che per i corsi di formazione rivolti ai dipendenti. A Piacenza le ditte che si sono dotate dell’apparecchio salvavita sono già oltre 160, un numero molto elevato rispetto alla media nazionale, segno che nella nostra città c’è una forte cultura della prevenzione anche grazie a “Progetto Vita” che ha sensibilizzato l’opinione pubblica su questo delicato tema contribuendo in modo significativo alla diffusione del defibrillatore.

Il progetto è stato presentato oggi pomeriggio presso la sede dell’associazione “Il cuore di Piacenza”. “Siamo molto soddisfatti – ha sottolineato la presidente Daniela Aschieri –; con queste agevolazioni Inail ha dimostrato di essere sensibile alle tematiche legate alla sicurezza negli ambienti di lavoro. Ricordiamo – ha proseguito Aschieri – che un terzo degli incidenti sul lavoro è dovuto ad arresto cardiaco”.

Presenti anche l’on. Paola De Micheli che nel 2012 fu promotrice di questa iniziativa e Dario Costantini presidente di CNA da anni impegnato come promotore del Gruppo di acquisto CNA per la messa in sicurezza dei luoghi di lavoro in termini di cardioprotezione.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà