Medico legale a giudizio: chiamati a testimoniare due magistrati

27 Gennaio 2015

Tribunale di Piacenza

Abuso d’ufficio. E’ l’accusa di cui deve rispondere un medico legale piacentino, consulente tecnico della procura. Secondo il pm Michela Versini, la donna, avrebbe percepito compensi che secondo i magistrati non erano dovuti per rilasciare certificati relativi a decessi di persone che, su incarico dei Pm, lei stessa aveva sottoposto ad autopsia. Lei nega l’accusa e sostiene, in sostanza, che il suo comportamento non è vietato dalla legge e di avere rilasciato regolare fattura per ogni certificato. Stamattina, all’esordio del processo, i difensori dell’imputata hanno chiesto che nella loro lista di testimonianze venissero compresi anche due magistrati della Procura: Antonio Colonna e Ornella Chicca, in merito a conversazioni avute con l’imputata al di fuori delle loro funzioni di pubblici ministeri. A questo si è opposto il procuratore della Repubblica Salvatore Cappelleri, sostenendo che la richiesta era indeterminata in merito agli argomenti su cui avrebbero dovuto rispondere. Il presidente del Tribunale si è riservato di decidere se, all’esito dell’istruttoria, sia o meno necessario sentire i due magistrati e l’udienza è stata rinviata.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà