Tumori cavo orale: 30 casi all’anno a Piacenza. Venerdì screening gratuito

30 Marzo 2016

cavo-orale

Venerdì 1 aprile in tutta Italia si svolge la seconda giornata di prevenzione dei tumori del cavo orale: l’iniziativa coinvolge poco meno di duecento reparti in tutto il Paese, tra cui quello piacentino ed è coordinata da Domenico Cuda, attuale presidente dell’’Associazione Otorinolaringologi ospedalieri italiani e primario al Guglielmo da Saliceto.

La campagna si articola sul significativo slogan “Prevenire è più facile che dire otorinolaringoiatria” e si svolge con il patrocinio del Ministero della Salute. A Piacenza il reparto di Otorinolaringoiatria apre le sue porte venerdì 1 aprile, dalle ore 9 alle ore 13, al secondo piano, blocco C del Polichirurgico. Il personale sanitario sarà a disposizione dei cittadini con accesso diretto, senza alcuna impegnativa, per un esame del cavo orale. “Si tratta anche per il 2016 di uno screening gratuito, rivolto in particolare ai soggetti a rischio”, precisa il dottor Cuda. All’iniziativa partecipano anche gli odontoiatri ospedalieri.

L’invito è rivolto principalmente a chi presenta fattori di rischio: tumefazioni ed escrescenze, lesioni bianche o rossastre e ferite che non si rimarginano spontaneamente oltre i 15 giorni possono essere la manifestazione di lesioni pre-tumorali o, peggio, tumorali. Fumo, alcol, papillomavirus e cattiva igiene orale possono provocare l’insorgenza di tumori del cavo orale. A Piacenza si registrano circa 30 casi all’anno.

Cuda1

© Copyright 2021 Editoriale Libertà