Assenteismo, il Comune sospende 24 dipendenti indagati

30 Giugno 2017

Il nucleo di valutazione interna del Comune di Piacenza ha sospeso 24 dei 50 dipendenti indagati con l’accusa di truffa, peculato e falso per essersi assentati dal lavoro dopo aver timbrato il cartellino. Si tratta dei primi 24 casi analizzati: ai lavoratori è stato bloccato lo stipendio (percepiranno solo l’assegno di mantenimento previsto per i dipendenti pubblici) e saranno presto chiamati al contraddittorio per chiarire la loro posizione. Al termine, il nucleo di valutazione applicherà la sanzione ritenuta adatta, che potrebbe arrivare anche al licenziamento, anche se non si potrà applicare l’ultima versione della riforma Madia sulla pubblica amministrazione.

I casi dei restanti 26 dipendenti indagati (uno addirittura arrestato per violenza sessuale) saranno analizzati in questi giorni, tenendo conto anche della diversità e della complessità delle varie posizioni.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà