Nell’ex Chiesa di San Lorenzo nascerà un auditorium da 500 posti

25 Maggio 2018

L’ex Chiesa di San Lorenzo di Piacenza verrà trasformata in un auditorium da 500 posti a sedere. Questo almeno il sogno di Rest Srl di Carlo Loranzi, ditta che proprio ieri, 24 maggio, si è aggiudicata provvisoriamente la gestione dello storico immobile di via del Consiglio tramite bando di gara indetto dall’Agenzia del Demanio. “Scartata” invece, per mancanza dei requisiti richiesti, l’altra offerta presentata dall’associazione del Museo internazionale degli organi di Casalpusterlengo.

Un’aggiudicazione, quella alla Rest, che dovrà essere confermata al termine di tutte le verifiche del caso. Investimento iniziale previsto 387mila euro e concessione di 20 anni, sono le principali caratteristiche dell’accordo di base. Il progetto che l’imprenditore piacentino Loranzi presenterà dovrà passare al vaglio della soprintendenza dei beni culturali e paesaggistici per l’approvazione.

“Vogliamo recuperare uno tra i beni più prestigiosi della città e restituirlo ai piacentini” – ha spiegato Carlo Loranzi, che aveva tentato di aggiudicarsi, senza riuscirci, anche la gestione di Sant’Agostino. “L’idea è di creare una seconda sala musicale dopo il Municipale, in termini di capienza tenendo conto che l’ex Chiesa di San Lorenzo vanta una storia proprio legata alle rappresentazioni teatrali e di musica. Nel 1858 infatti, durante i lavori di restauro del Municipale, la trecentesca basilica ospitò un paio di stagioni e, in soli 45 giorni, la falegnameria Colombini costruì il palco, la balconate e le tribune”.

 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà