Successo in quota

Sul Crociglia per i caduti delle montagna e delle guerre, festa sotto il sole

12 agosto 2019

Sessantatreesima edizione della festa sul monte Crociglia. In una giornata interamente di sole come non succedeva dal 1995 – la seconda negli ultimi quarant’anni, numerose persone si sono date appuntamento sulla vetta a 1578 metri di quota ai piedi della statua dell’Arcangelo Raffaele, nel territorio di Ferriere. Escursionisti di giornata, abitanti di Torrio e delle frazioni delle valli di Aveto, Trebbia, Nure, oltre a quelli proveniente dal versante ligure, hanno ridato vita a una tradizione iniziata negli anni ’50 in segno di unità fra Emilia Romagna e Liguria.

La cerimonia è iniziata con la messa in memoria dei caduti della montagna e di tutte le guerre. Poi il “Silenzio fuori ordinanza”, mentre una rappresentanza del gruppo Cai di Piacenza, deponeva ai piedi della statua una corona di alloro.
Oltre alle autorità erano presenti i volontari del Consorzio rurale di Torrio, organizzatori del ristoro ai piedi della vetta, alcuni dei quali sono saliti in piena notte per iniziare le lunghe operazioni di lenta cottura della specialità del menù, l’asado alla ligure. Dopo il pranzo giochi popolari e canti, improvvisati, o delle corali presenti, mentre in tanti hanno proseguito l’escursione verso il Carevolo o verso la suggestiva valle Tribolata.

© Copyright 2019 Editoriale Libertà

CATEGORIE: Cronaca Val Nure

NOTIZIE CORRELATE