Abusi sulla cugina, la madre della ragazza in aula: “Sono scioccata”

06 Febbraio 2020

 

Avrebbe commesso abusi sulla cugina di dieci anni, per questo motivo un giovane albanese si è trovato il 6 febbraio a processo con l’accusa di violenza sessuale. Fatti che avrebbe commesso nell’arco di 4 anni (lei aveva dai 10 ai 14 anni) quando lui per un certo periodo era ancora minorenne, e proprio per questo arco di tempo, sta rispondendo del medesimo reato davanti al tribunale dei minori di Bologna. Per quanto avrebbe commesso dopo i diciotto anni ha cominciato a rispondere davanti al collegio giudicante composto da: Stefano Brusati, Sonia Caravelli e Aldo Tiberti. Il pm era Ornella Chicca. L’imputato (presente in aula) era difeso dall’avvocato Gianluigi Dodici, mentre la presunta vittima (che non era in aula) costituitasi parte civile era difesa dall’avvocato Claudia Magnaschi. Il ragazzo albanese si è sempre dichiarato completamente innocente. I fatti costati l’accusa al giovane sarebbero avvenuti in città nella casa della bambina dove lui, in quanto cugino era spesso presente. Durante il processo hanno testimoniato investigatori di polizia che si sono occupati del caso.

La mamma della presunta vittima in aula ha detto: “Sono scioccata, non so cosa dire, non posso crederci, ma nello stesso tempo non posso dire di si, cioè di sapere qualcosa di questa storia”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà