Allarme coronavirus

Piacentina in Cina: “Ci provano la febbre ovunque, anche quando rientriamo in casa”

12 febbraio 2020

 

“Qui ci provano la febbre ovunque, anche nel palazzo dove viviamo, il vigilante segna la nostra temperatura ogni volta che usciamo e rientriamo. Succede così anche nei supermercati, sulla metropolitana o sui treni. Siamo super controllati”. E’ Monica Cella, 55 enne piacentina che vive da due anni a Quingdao, a mille chilometri da Wuhan, epicentro dell’epidemia da coronavirus, a raccontare cosa sta succedendo in queste settimane in Cina, dove è in corso una vera e propria emergenza sanitaria. “Non siamo in isolamento forzato ma siamo stati invitati a non uscire di casa e a non frequentare luoghi affollati – racconta Monica – la città è semideserta, non l’avevamo mai vista così”. Quingdao conta 10 milioni di abitanti e i contagi, al momento, non arrivano alla cinquantina. Nonostante il numero limitato di casi registrati nella zona, i sistemi di sorveglianza e sicurezza sono altissimi. “Riceviamo costantemente informazioni utili su cosa fare – spiega Monica – addirittura sull’andamento dei prezzi nei supermercati o sulle scorte presenti. Tramite una app possiamo sapere se nel nostro condominio ci sono persone contagiate o se sul treno che abbiamo preso c’erano persone positive al virus”.

Monica è una consulente aziendale e si occupa del controllo di qualità dei prodotti realizzati in Cina e destinati all’Italia mentre il marito è dirigente di una multinazionale. “Alcune aziende hanno riaperto i battenti in questi giorni e mio marito è tornato a lavorare mentre io sono ancora a casa – spiega la piacentina – non siamo particolarmente allarmati ma ci preoccupiamo di salvaguardare la nostra salute. Nessuno esce in pubblico senza la mascherina, qui ci sono controlli ovunque. Sarei tornata volentieri a Piacenza – aggiunge Monica – ma i voli per l’Italia sono stati cancellati e soprattutto dovrei trascorrere il mio tempo chiusa in casa per rispettare la quarantena così alla fine ho deciso di restare in Cina”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza