Pescara

Ruba on line l’identità di un piacentino per comprare uno smartphone: arrestato

18 febbraio 2020

Voleva comperare uno smartphone del valore di 1.400 euro in un negozio di Pescara utilizzando dei documenti falsi, appartenenti in realtà a un piacentino che qualche giorno prima aveva risposto a un annuncio per fare acquisti on line. Ma un 56enne è stato scoperto e smascherato dalla polizia che lo ha arrestato in flagranza di reato, per possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi. L’uomo dovrà rispondere anche per la tentata truffa e sostituzione di persona.

Gli agenti della Volante sono intervenuti presso un’attività commerciale di Pescara, in Corso Vittorio Emanuele, dove era stata segnalata una lite tra un cliente e il titolare, il quale manifestava dubbi sull’autenticità dei documenti esibiti dall’uomo (sulla carta originario di Piacenza), che intendeva acquistare il costoso smartphone facendo ricorso ad un finanziamento.
Gli accertamenti di polizia giudiziaria, hanno permesso di appurare che il 56enne era in possesso di una carta d’identità, valida per l’espatrio, contraffatta, recante le generalità di una persona diversa, originaria di Piacenza. La quale ha riferito agli investigatori che alcuni giorni fa aveva inviato la foto dei propri documenti ad un uomo, poi resosi irreperibile, per un acquisto online. È bastato poco ai poliziotti per appurare le false generalità del truffatore, identificato per un pescarese 56enne, che perquisito è stato trovato in possesso di una carta di credito contraffatta e delle copie dei documenti di identità, il tutto intestato sempre all’uomo piacentino, vittima del raggiro.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE