Testimonianze di chi è in prima linea

Pronto Soccorso, il medico Vercelli: “Non è un’influenza, 40 polmoniti al giorno e aggravamenti in poche ore.
Evitate i contatti”

10 marzo 2020

Gli occhi stanchi sotto gli occhiali e la mascherina di protezione. Andrea Vercelli è uno dei tanti medici del Pronto Soccorso di Piacenza che da oltre due settimane sta lavorando senza sosta per far fronte all’emergenza del Coronavirus.

“La situazione è molto pesante, state attenti – spiega- nel suo intervento al Tgl di Telelibertà. Quello che stiamo vivendo non è una normale influenza – sottolinea – arrivano 40 polmoniti al giorno e molte persone necessitano di ossigeno. Ci sono pazienti che nel giro di un giorno si sono aggravati e da stare bene sono ora in pericolo di vita”. Il medico ricorda che abbiamo solo un’arma per prevenire il contagio: “Dobbiamo evitare in qualsiasi modo i contatti perché si tratta di un virus estremamente contagioso”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza