E' allarme

Sicurezza dei lavoratori, la Prefettura costituisce un tavolo di controllo

27 marzo 2020

“Ancora troppe aziende, pur non svolgendo attività essenziali e di pubblico interesse, continuano ad operare e altre, pur essendo autorizzate a farlo non rispettano le disposizioni per la sicurezza dei propri lavoratori”- è l’allarme lanciato dai rappresentanti sindacali piacentini di Cgil, Cisl e Uil che, questa mattina 27 marzo, hanno incontrato in videoconferenza, su loro richiesta, il Prefetto Maurizio Falco.

I sindacati hanno espresso le proprie preoccupazioni riferendo che “i propri associati hanno segnalato che molte aziende del territorio, pur non impegnate nelle filiere essenziali di pubblico interesse o di pubblica utilità, stanno continuando ad operare, previo inoltro della comunicazione alla prefettura, prevista dal decreto del 22 marzo e dall’ordinanza regionale del 24 marzo”. Inoltre hanno informato il Prefetto che “altre, pur potendo operare secondo le disposizioni vigenti, non si attengono alle misure precauzionali (distanziamento sociale, utilizzo dpi, sanificazione previste dall’accordo nazionale del 14 marzo 2020 e dall’ordinanza regionale”.

Falco ha assicurato la massima trasparenza e collaborazione, tuttavia ha segnalato che il numero delle comunicazioni da vagliare, per verificare la sussistenza dei presupposti per la continuità operativa, è assolutamente rilevante avendo superato, già oggi, il numero di mille.

Ha annunciato che oggi verrà costituito un gruppo di lavoro tecnico con dirigenti della prefettura, un rappresentante della guardia di finanza ed uno della camera di commercio, per valutare se esistono i presupposti per un’eventuale sospensione di alcune attività che non rispettano le disposizioni. Gli organi competenti verranno tenuti costantemente aggiornati. Il Prefetto richiama l’attenzione di tutti, imprese e lavoratori, sulla necessita’ di continuare, ognuno per quanto di competenza, a rispettare le stringenti misure precauzionali a tutela della salute pubblica e della sicurezza dei lavoratori.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza