Palleggi in camera da letto: gli allenamenti (a distanza) della Libertas

31 Marzo 2020

Non si fermano gli allenamenti dei giovani calciatori della Libertaspes. I tiri al pallone, però, si sono spostati dal campo “Calamari” di via Molinari agli schermi del telefonino. I piccoli atleti, infatti, si intrattengono in video-esercizi in collegamento remoto con gli istruttori Matilde Monnet e Pierfrancesco Perdoni. La loro attività a distanza, come spiega il presidente Paolo Confalonieri, è stata riassunta in un filmato diffuso sui social network: “In queste difficili settimane di allerta sanitaria, stiamo cercando di tenerci in contatto con tutto il settore giovanile della Libertaspes: dai pulcini alla squadra femminile, dalla scuola calcio agli esordienti”. Si parla di circa duecento ragazzi, alcuni dei quali compaiono nel breve video confezionato dalla società sportiva: dopo l’iconico ruggito (cinematografico) del leone della Metro Goldwyn Mayer, ecco una carrellata di baby-talenti che si destreggiano col pallone nel giardino di casa, in salotto oppure sulle mattonelle del cortile, a riprova di come la passione del calcio non possa essere fermata nemmeno del regime di “quarantena” anti-contagio.

“INEVITABILE STOP AL TORNEO LIBERTAS” – Ciò che invece potrebbe essere bloccato dall’emergenza Coronavirus è l’imminente Torneo Libertas, ormai alle porte: “Salvo grosse sorprese – dice il presidente Confalonieri – quest’anno la 48esima edizione della storica competizione non si svolgerà”. Per la prima volta dal 1973 ad oggi, quindi, l’estate piacentina prenderà il via senza la “Champions league” di via Molinari.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà