“Restrizioni in vigore almeno fino a Pasqua. Piano straordinario di investimenti in Emilia Romagna”

31 Marzo 2020

“Credo che le restrizioni anti-contagio resteranno in atto almeno fino a Pasqua. Sarà il governo nazionale a indicare una data precisa”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini nel corso della conferenza stampa convocata oggi pomeriggio – martedì 31 marzo – in diretta su Facebook.

“Dobbiamo continuare in questa direzione, le limitazioni contro il Coronavirus resteranno in vigore ancora per un po’ di tempo. Anche perché, va detto, non potrà esserci alcuna ripresa economica senza la fine dell’emergenza sanitaria in corso”. Il governatore emiliano-romagnolo ha aggiunto: “Coinvolgeremo gli esperti di ricerca, tecnologia, economia, medicina e big data per indicare gli scenari futuri, affinché ci sia una nuova occupazione per ogni posto di lavoro perso. La nostra regione si farà trovare pronta: ci rialzeremo ancora più forti”. Bonaccini ha specificato che il gruppo di saggi verrà costituito nelle prossime settimane: “Si avvierà un confronto con le parti sociali per definire la traiettoria di sviluppo dell’Emilia Romagna che verrà dopo questa grave crisi”.

Dopo aver riassunto tutti i provvedimenti economici già attuati a favore dei territori, Bonaccini ha comunicato l’ultima decisione assunta: “Nella riunione di giunta di ieri (30 marzo, ndr), abbiamo stanziato 24 milioni di euro per il supporto alla popolazione, di cui cinque milioni di euro per continuare ad assicurare la didattica a distanza”. A proposito dei lavoratori stagionali, su cui certamente la crisi da Covid-19 si farà sentire con forza, il governatore ha rassicurato: “Non li lasceremo soli, stiamo capendo quante risorse destinare al loro sostegno”. Il presidente regionale, infine, ha annunciato la volontà di approvare “un piano straordinario di investimenti pubblici che contribuirà a far riparte l’Emilia Romagna, ovviamente quando ci sarà il via libera della scienza”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà