Nuovo balzo di contagi dovuto agli esami nei Centri anziani

20 Aprile 2020


Proprio quando i piacentini iniziavano a farsi forza con i numeri e credevano in un vero rallentamento dell’epidemia da Coronavirus nel nostro territorio, sono arrivati dati che riportano le lancette della crisi indietro di 20 giorni: ieri i morti sono stati 15 (venerdì furono 5, sabato 9; il totale provinciale sale così a 775), ma soprattutto i nuovi contagiati sono stati 70, mai così tanti dal primo aprile (allora furono 81).
A provocare questo nuovo balzo, che porta il totale provinciale a 3.369 infetti, è stato l’esito dei tamponi effettuati nei Centri residenziali per anziani, diventati la vera emergenza del momento.
L’incremento dei morti giornalieri dopo alcuni giorni di frenata, invece, è da attribuire anche al ritardato conteggio di alcuni decessi avvenuti nei giorni scorsi di piacentini ricoverati in altre città della regione, spesso da diverse settimane. Il numero, però, rimane altissimo per una realtà come Piacenza.

Un quadro che torna fosco, quindi. Anche se qualche elemento incoraggiante non manca, ad esempio il costante calo dei pazienti ricoverati per polmoniti: attualmente sono 208, il 24 marzo erano 507, il 2 aprile 407, il 7 aprile 362.
Come riporta il quotidiano Libertà in edicola oggi, gli accessi al Pronto soccorso per Covid-19 sono ormai da quasi un mese ampiamente al di sotto di quelli “ordinari”.


© Copyright 2021 Editoriale Libertà