Senza lavoro a causa del Covid: 15 nuovi volontari per l’Emporio solidale

06 Maggio 2020

Nel periodo dell’emergenza sanitaria sono aumentati i volontari dell’Emporio Solidale. A portare il proprio aiuto alla cittadella della solidarietà di Piacenza sono arrivate tante persone che a causa del Coronavirus non stanno lavorando.

“In questi giorni si sono fatte avanti diverse persone sia donando viveri sia rimboccandosi le maniche, tant’è che ai sei volontari che sono potuti rientrare in attività perché under 65 se ne sono aggiunti una quindicina – spiega la presidente Laura Bocciarelli -. Tra i nuovi volontari anche i lavoratori e le lavoratrici che in questo periodo di carenza o sospensione del lavoro, hanno scelto la strada della solidarietà, mettendo a disposizione parte del loro tempo per dare una mano al nostro progetto. Più avanti quando potranno rientrare anche gli over 65 avremo ancor più bisogno perché stiamo valutando di ampliare giorni e fascia oraria di apertura del supermercato gratuito che ad oggi sono la mattina del martedì e del giovedì dalle 9 alle 12, e il mercoledì pomeriggio dalle 15 alle 17”.

Distribuzione viveri su appuntamento e consulenza telefonica – Alla preparazione e distribuzione (su appuntamento) delle borsine di viveri, si affianca l’opera di consulenza degli sportelli di ascolto predisposti per chi ha bisogno di far fronte a problemi lavorativi (in prevalenza perché il lavoro l’ha perso o non riesce a trovarlo) a problemi familiari o legati a questioni burocratiche: gli operatori sono contattabili telefonicamente o scrivendo via e-mail. Per lo sportello di orientamento al lavoro il numero di cellulare è 347-1605473 (dalle 9 alle 12 è possibile chiamare per fissare colloquio telefonico o videochiamata), mail: [email protected]; l’InformaSociale risponde al numero fisso 0523/492731, mail:[email protected]; il telefono dello Sportello InformaFamiglie&bambini è 0523/492380, mail: [email protected] Attivi anche gli sportelli gestiti dai sindacati: CISL (Telefono CAF: 0523.464700 mail CAF: [email protected] – Telefono patronato: 0523.464712 – mail patronato: [email protected]) e CGIL (Telefono: 0523459701).Mentre per ricevere le borsine della spesa gratuita gli interessati saranno contattati da un’operatrice dell’Emporio con cui concorderanno data e orario per andarle a ritirare in via Primo Maggio 62.
I numeri per chiedere aiuto – Per le persone e famiglie residenti o domiciliate in città è anche tornato possibile presentare nuove domande per accedere a tutti questi servizi di aiuto, in primis la spesa gratuita, contattando telefonicamente uno dei seguenti Centri di ascolto: Caritas (al numero 370-3740000 e 0523.332750 rispondono Davide e Dina), Croce Rossa Italiana (al numero 334-6791771, risponde Veronique), Auser (al 342-0122084 risponde Daniele); chi è in carico ai Servizi Sociali del Comune di Piacenza può rivolgersi alla propria assistente sociale).
L’Emporio di via Primo Maggio funge inoltre da centro di stoccaggio per “La solidarietà va spesa”, la colletta alimentare attivata dal Comune di Piacenza (con l’adesione dei supermercati Galassia, MD di via Emilia Pavese e dei quattro punti vendita Conad di via XX Settembre, via Deledda alla Besurica, via Modonesi a San Lazzaro e via Atleti Azzurri d’Italia), a sostegno delle famiglie in condizioni di disagio economico, maggiormente colpite dall’emergenza Covid-19. Sta anche proseguendo l’attività di stoccaggio dell’operazione Carrello Solidale.
Donazioni di prodotti e in denaro – “Abbiamo ricevuto aiuti da associazioni come La Confraternita di Misericordia, Le Rondini di Chernobyl, la Cri di Podenzano, la compagnia filodrammatica I amis ad Pontnur, e aziende del territorio come Steriltom Srl, Vaportris, DDA”.
Diversi hanno scelto di fare offerte in denaro. Tra le modalità più funzionali quella di effettuare direttamente il versamento con bonifico bancario per consentire all’Emporio di fare acquisti mirati ai bisogni. I riferimenti per chi optasse per questa soluzione sono “EMPORIO SOLIDALE PIACENZA ONLUS” – Credit Agricole ag. Sede Piacenza – IBAN IT06 E 06230 12601 0000 31971227 (per avere la ricevuta necessaria ai fini della detrazione fiscale occorre inserire nella descrizione del bonifico nome e cognome, residenza, codice fiscale ed email). Per ulteriori informazioni è possibile inviare una mail a [email protected] o chiamare il numero 380-2194286.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà