Quasi 700 controlli nelle aziende: nessuna violazione alla sicurezza.

11 Maggio 2020

E’ partita bene, dal punto di vista dell’osservanza delle misure di sicurezza nei luoghi di lavoro e sulle misure di contenimento previste dall’emergenza covid, la fase 2 scattata il 4 maggio scorso. E’ quanto è emerso dall’incontro del prefetto di Piacenza, Maurizio Falco, con il direttore dell’Ispettorato territoriale del lavoro di Piacenza (Itl), Annamaria Melissari.

Infatti, sia le 4 ispezioni effettuate dagli ispettori civili e militari del nucleo carabinieri Ispettorato del lavoro in congiunta con l’Ausl in aziende produttive medio grandi, sia le 674 verifiche in attività ed esercizi commerciali effettuate dalle forze dell’ordine (polizia, carabinieri e guardia di finanza) e dalle polizie locali non hanno fatto rilevare alcuna violazione.

Nonostante gli ottimi risultati finora accertati – dopo il doveroso ringraziamento all’Itl, all’Ausl e a tutte le forze di polizia – il prefetto ha ribadito la necessità di continuare a mantenere alto l’impegno sull’attività di controllo nelle varie filiere e settori produttivi, anche attraverso l’equilibrio tra necessità di ripresa economica e il rispetto sostanziale dei protocolli di sicurezza stipulati tra governo e parti sociali in questo periodo.

Annamaria Melissari, da pochi mesi a Piacenza, ha confermato la massima disponibilità  per tutte le attività di controllo decise in esecuzione del Dpcm 26 aprile 2020, in particolare sulla verifica del rispetto del protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro.

Presente all’incontro anche il viceprefetto vicario per i compiti riconducibili al suo incarico di coordinatore del gruppo di lavoro tecnico istituito a seguito dell’entrata in vigore del dpcm 22 marzo 2020.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà