Alla Galleria Ricci Oddi “La Pisana” di Martini. A settembre torna il Klimt

28 Maggio 2020

La Galleria Ricci Oddi di Piacenza ha riaperto i battenti seguendo un protocollo di sicurezza e cala un asso per attirare i visitatori. E’ arrivata infatti, da qualche giorno, una scultura tra le dieci più importanti dei primi del 900, che sarà collocata in uno spazio autonomo, all’ingresso della Galleria. Si tratta di “La Pisana” di Arturo Martini, la prima versione in pietra del 1928. “E’ un pezzo storico – spiega il presidente Massimo Ferrari – si potrà ammirare anche dall’esterno, di sera, passeggiando, perché sarà illuminata. L’abbiamo ottenuta in comodato d’uso per tre anni grazie al sindaco Patrizia Barbieri, al consigliere della Galleria Giovanni Giuffrida e dal gallerista Davide Cammi”. 

Intanto il Ritratto di Signora di Gustav Klimt sta per tornare in Galleria. Il capolavoro, rubato nel 1997 e ritrovato il 10 dicembre scorso, nel giardino della stessa Galleria, sarà dissequestrato a breve dalla Procura della Repubblica e, a settembre, ritornerà a tutti gli effetti a casa. Il dipinto, dal valore inestimabile, verrà posizionato nel salone d’onore della Galleria, protetto da una speciale teca di vetro blindato. E’ ancora in corso un’indagine per l’individuazione dei colpevoli del furto. Al momento sono tre gli indagati.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà