Fiume Trebbia

Marsaglia presa d’assalto, il sindaco: “Situazione invivibile, serve aiuto”

30 giugno 2020

Le foto che di recente circolavano sui social e paragonavano le acque del Trebbia di Marsaglia a quelle della Thailandia evidentemente hanno fatto centro. Domenica 28 giugno il comune dell’Alta Val Trebbia è stato preso d’assalto. Chi è arrivato attorno a mezzogiorno ha trovato i carabinieri all’imbocco della strada che dal paese scende al fiume. Non si poteva più andare oltre perché l’area era sold out e le auto parcheggiate ovunque.

“Non abbiamo mai visto così tanta gente, c’è stato un boom, siamo rimasti sorpresi ed è la prima volta che ci troviamo costretti a chiudere la strada – commenta il sindaco Mauro Guarnieri –. Con rammarico abbiamo dovuto multare gli automobilisti perché i veicoli ostruivano la carreggiata impedendo anche l’eventuale transito di un’ambulanza. Le strade erano così intasate che chi scendeva non riusciva più a tornare indietro. Noi siamo contenti che la gente venga a Marsaglia ma domenica la situazione era invivibile per tutti. E poi dobbiamo fare rispettare anche le ordinanze anticontagio, domenica non c’era distanziamento e la gente non aveva la mascherina”.
L’estate 2020 è appena iniziata, per i prossimi weekend il Comune chiede aiuto. “Noi purtroppo non abbiamo personale – spiega il primo cittadino -. Abbiamo un vigile solo e due carabinieri, così non ce la facciamo. La prossima settimana metteremo personale del Comune per deviare il traffico quando i parcheggi saranno saturi. Ma se non abbiamo altro aiuto diventa molto complicato”.

Anche le altre località della Val Trebbia domenica erano particolarmente affollate e lungo la Statale sono state notate multe sui parabrezza delle auto parcheggiate a lato della carreggiata.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE