Danni del maltempo

Da Zerba a Ferriere, da Bobbio a Monticelli: 4,5 milioni per 54 cantieri

3 luglio 2020

In arrivo a Piacenza e provincia quattro milioni e mezzo di euro per l’apertura di 54 cantieri per la messa sicurezza delle strutture danneggiate dopo l’ondata di maltempo dello scorso novembre. I fondi sono erogati dalla Regione Emilia-Romagna a favore di opere idrauliche, ripristino di strade interrotte da dissesti, rimozione di detriti e materiali di scarto.

CANTIERI – Nel nostro territorio, i lavori pubblici più costosi sono quelli di Monticelli (280mila euro per il ripristino della viabilità comunale nella zona dell’Argine Pavesa), Ferriere (250mila euro per la ricostruzione del corpo stradale e la regimazione delle acque superficiali in località Lagoscuro), Bobbio (200mila euro per la sistemazione del fronte franoso a monte di via Auxilia), Rivergaro (200mila euro per l’opera idraulica di Sant’Agata sulla sponda destra del Trebbia) e Piacenza (200mila euro per lo scolo alternativo alla ventola dell’argine maestro del fiume Po).
Qui l’elenco completo dei cantieri in programma a Piacenza e provincia.

“La cura del territorio è uno dei pilastri su cui poggia l’azione della Regione in questa legislatura”, afferma il presidente Stefano Bonaccini, dopo la firma sul decreto che dà il via al secondo stralcio del piano dei primi interventi urgenti di messa in sicurezza o ripristino delle strutture e infrastrutture lesionate. “La Regione continua l’impegno per la messa in sicurezza e il ripristino in seguito al maltempo dello scorso novembre – dichiara l’assessore regionale alla protezione civile Irene Priolo -. Un risultato possibile perché nei mesi scorsi l’attività regionale di programmazione è sempre continuata, nonostante il grande impegno dell’intero sistema di protezione civile nell’affrontare l’emergenza Covid”. I fondi rientrano nell’ulteriore stanziamento di risorse nazionali (decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 417 gennaio 2020) ripartite nell’ambito dell’accordo tra Stato e Regioni. I soggetti attuatori hanno 90 giorni di tempo per l’affidamento degli interventi che dovranno essere completati entro diciotto mesi.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE