Un gruppo di genitori della Pezzani: “Non abolire il sabato in classe”

09 Settembre 2020

“Non abolire il sabato in classe”. È la richiesta di un gruppo di genitori della scuola elementare Pezzani di Piacenza, che insorge contro la probabile soppressione del tempo modulo nell’istituto di via Emmanueli. In vista della ripartenza del 14 settembre, infatti, “i bambini rientreranno in classe dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 13.25. Fino all’anno scorso, invece, una sezione composta da un centinaio di iscritti, dalla prima alla quinta, andava a scuola anche al sabato. Tra pochi giorni, però, non sarà più così. Ma i genitori che lavorano sei giorni su sette come potranno gestire i figli? E poi, dal punto di vista didattico, gli alunni trascorreranno lunghe giornate in aula, vivendo i ritmi in maniera molto più stressante. In più, guardando alla prevenzione del Covid, abbiamo altri dubbi: i bambini si concentreranno negli spazi dell’istituto tutti negli stessi momenti, dovendo rinunciare ai turni differenziati permessi dall’apertura al sabato. Dalla scuola, tra l’altro, non c’è stata trasparenza”.

Ma in una nota del 31 agosto, la dirigente della Pezzani Domenica Portoghese non ci sta: “La proposta di adeguamento dell’orario, oltreché necessaria per i motivi ampiamente esposti durante la riunione con i rappresentanti di classe, era già stata deliberata nel collegio dei docenti sin dal mese di febbraio del 2020. Il 24 luglio – prosegue la preside – il consiglio di circolo ha approvato l’adozione della delibera e il 30 luglio la sottoscritta ha comunicato sulla home page del sito ufficiale che il tempo scolastico sarebbe stato organizzato dal lunedì al venerdì”. E sul sito ufficiale dell’istituto, Portoghese precisa: “Le lezioni saranno garantite dal lunedì al venerdì con il rispetto del monte orario settimanale e uno scaglionamento minimo dei tempi di ingresso grazie agli innumerevoli accessi di cui la scuola è fornita, al solo fine di evitare assembramenti tra gli adulti”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà