Per due giorni

“Frequentato da pregiudicati pericolosi”, chiuso il Baraonda

12 settembre 2020

La polizia è intervenuta nella mattina del 12 settembre in via Colombo, a Piacenza, per notificare la chiusura al pubblico del bar “Baraonda”. Gli agenti hanno proceduto all’identificazione dei clienti presenti e in seguito il locale è stato chiuso. Il decreto del questore Filippo Guglielmino, affisso sulla porta di ingresso del bar, prevede l’interdizione dell’attività per due giorni, come previsto dall’articolo 100 del Testo unico per le leggi di pubblica sicurezza.

La questura ha spiegato che il locale era stato oggetto nel corso degli ultimi due anni di numerosi controlli da parte degli agenti perché frequentato da persone con precedenti penali per spaccio, reati contro il patrimonio, maltrattamenti in famiglia e altro. A ciò si è sommata la pericolosità sociale generata dagli avventori, che ha contribuito ad aggravare la situazione della zona.

Il Baraonda è stato più volte al centro di fatti di cronaca anche cruenti come l’omicidio di Sadik Hajderi, cittadino albanese di 39 anni, assassinato con due colpi di pistola nell’aprile del 2014. Due anni dopo, nell’aprile del 2016, il bar era stato chiuso per 15 giorni perché ritenuto, dalla polizia, punto di scambio di stupefacenti o di incontro per altre attività illegali.

DUE GIORNI DI CONTROLLI
La questura ha inoltre reso noti gli esiti dei controlli effettuati nei giorni scorsi nella zona di via Colombo e della Farnesiana: 175 persone identificate, 64 veicoli ispezionati (con 19 sanzioni per infrazioni al codice della strada) e 5 esercizi pubblici controllati.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE