La difesa:

Iniettò droga a una giovane che perse la gamba: “Condannatelo a 7 anni”

29 settembre 2020

Il pubblico ministero Ornella Chicca ha chiesto la condanna a sette anni del 50enne piacentino che, nell’estate 2007, praticò una tragica iniezione di cocaina nella gamba di una ragazza, all’epoca diciassettenne: la giovane, pochi giorni dopo, subì l’amputazione dell’arto.
Il processo bis (l’uomo fu condannato in primo grado a sette anni, ma la Corte di Appello riqualificò i reati e il procedimento dovette ripartire da zero) si sta celebrando con l’ipotesi di lesioni gravissime dolore ed è giunto alle battute conclusive: il pm Chicca ha chiesto sette anni di pena, sostenendo in particolare che l’imputato attuò una pratica medica (l’iniezione) senza averne titolo, mentre l’avvocato difensore Paolo Ferroni ha sostenuto l’innocenza del suo assistito, visto il consenso che la ragazza aveva esplicitamente dato all’iniezione stessa.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Piacenza

NOTIZIE CORRELATE