Nelle farmacie

Da oggi test sierologici rapidi e gratuiti per gli studenti e i loro famigliari

19 ottobre 2020

Prende il via oggi, lunedì 19 ottobre, la campagna della Regione Emilia-Romagna per i test sierologici rapidi (circa 15 minuti) e gratuiti, da poter effettuare direttamente in farmacia, destinata agli alunni di tutte le scuole di ogni ordine e grado, i genitori, e i familiari conviventi. E’ frutto dell’accordo tra la Regione e tutte le associazioni di categoria dei farmacisti, grazie al quale gli studenti e i familiari conviventi potranno andare in farmacia con autocertificazione per realizzare il test rapido. Nel caso di positività verrà seguito l’iter che prevede il tampone naso-faringeo e l’indagine epidemiologica sui contatti stretti.
Il progetto parte oggi e terminerà a giugno 2021 ed è esteso anche agli studenti universitari residenti o con domicilio sanitario in Emilia Romagna.

LE MODALITA’ – Possono accedere al test gratuito tutti i bambini e ragazzi da 0 ai 18 anni e i maggiorenni che frequentano la scuola secondaria superiore, con i loro genitori, fratelli e sorelle e gli altri familiari conviventi. Non solo, perché la Regione ha voluto includere anche un’altra fascia significativa della popolazione: gli universitari che hanno il medico di medicina generale in Emilia-Romagna. Per effettuare il test è sufficiente prendere appuntamento con il farmacista, consultando l’elenco degli aderenti sul sito https://salute.regione.emilia-romagna.it/sierologico-farmacie, che sarà costantemente aggiornato. In caso di minori, un genitore o tutore deve dare il proprio consenso ed essere presente al momento del controllo, che avverrà sempre nel rispetto di tutte le misure di sicurezza, dall’uso obbligatorio e corretto della mascherina all’igienizzazione delle mani all’ingresso, dal controllo della temperatura corporea al distanziamento.

Il farmacista registrerà sul “Portale regionale delle Farmacie” i dati della persona che si sottopone al test; in caso di positività, il cittadino sarà contattato dai servizi di santità pubblica dell’Azienda sanitaria di assistenza per eseguire il tampone nasofaringeo.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Cronaca Provincia

NOTIZIE CORRELATE