Al Raineri Marcora il guardaroba solidale per le famiglie in difficoltà

01 Dicembre 2020

“A scuola ci vuole la divisa”. E’ una delle frasi che più si sentono nelle scuole professionali come l’Alberghiera del Campus Raineri Marcora di Piacenza, dove i ragazzi devono comprarsi la divisa da cuoco, da cameriere o l’abito da receptionist. Una spesa aggiuntiva, oltre a quella dei libri e dei trasporti, non proprio irrisoria. Per questo motivo, all’interno della scuola, c’è chi ha pensato ad un aiuto, una sorta di guardaroba solidale a supporto delle famiglie più in difficoltà che possono così togliersi un pensiero (e una spesa), certi che a scuola ci sia chi ha organizzato una sorta di rete per “vestire” i ragazzi di tutto punto.

A “gestire” la task force per le divise, insieme a varie persone che lavorano con discrezione all’interno della scuola, è l’insegnante Mariangela Roselli che si preoccupa di recuperare divise “dimenticate” a scuola da ex studenti, averne in dote alcune da ragazzi cresciuti a cui quelle vecchie sono diventate strette, ex studenti che decidono di donarle, aziende che qualche volta si sono preoccupate di fornirle e anche la Caritas che sta “accantonando” abiti adatti a diventare divise per i ragazzi bisognosi dell’Istituto Alberghiero. Sono giacche, camice, scarpe, pantaloni neri, gonne a tubino, papillon che i ragazzi indossano elegantemente anche grazie a tanti gesti di solidarietà all’interno e all’esterno della scuola.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà