“C’è l’accordo con una ditta privata: l’ex convento di Santa Chiara rinascerà”

24 Gennaio 2021

“L’ex convento di Santa Chiara rinascerà”. Adesso è una certezza: lo comunica con entusiasmo Massimo Toscani, presidente uscente della Fondazione di Piacenza e Vigevano. “Un imprenditore di Piacenza ha presentato un’offerta congrua e formale per acquistare la metà dell’area. Dopo diverse trattative immobiliari, finalmente, c’è un soggetto interessato. A breve si potrà dare il via alla riqualificazione di questa splendida zona urbana, nascosta e sconosciuta alla maggior parte dei cittadini”.

Adesso, quindi, il recupero di questo affascinante immobile di origine duecentesca poggia su basi concrete. Il progetto della Fondazione – proprietaria di tutta l’area – è quello di concludere la vendita di circa 3.500 metri quadrati di superficie a un privato. E poi, attraverso il ricavato dell’alienazione, procedere al restauro dell’altra porzione del fabbricato – quella ottocentesca – per realizzare un collegio a disposizione del vicino conservatorio “Nicolini”, un polo per le associazioni culturali, un bar e una serie di botteghe artigianali nelle vecchie rimesse.

“Un traguardo finale che si avvicina – rimarca Toscani – la manifestazione d’interesse avanzata da una ditta locale è il passaggio fondamentale per sbloccare la situazione. Il privato interverrà sull’altra metà dell’ex convento, cioè la sezione crollata, per costruire una struttura residenziale con appartamenti e giardini. Nelle prossime settimane, per maggiore trasparenza, l’ente aprirà un bando per dare la possibilità di presentare ulteriori offerte migliorative. Ma il solco è tracciato, l’ex convento di Santa Chiara decollerà. Entro il mese di aprile, prima della scadenza dell’attuale consiglio della Fondazione, si punta a siglare l’accordo di vendita al privato e, quindi, a ottenere le risorse necessarie per il recupero della nostra porzione. Dopodiché – aggiunge Toscani – la durata del cantiere potrebbe essere di due anni”.


© Copyright 2021 Editoriale Libertà