“Asili nido, educatori in soprannumero per il tempo pomeridiano”

25 Gennaio 2021

Un servizio per le famiglie che rischia di trasformarsi in un disservizio ai danni delle casse comunali. “Lo scorso settembre – spiega l’assessore al welfare Federica Sgorbati – diversi nuclei hanno iscritto i propri figli al tempo pomeridiano negli asili nido, in modo gratuito. Ma in realtà, purtroppo, pochi di loro ne hanno usufruito davvero. E così il Comune ha stipulato un contratto con undici educatori in più che non hanno bambini da gestire. Le previsioni, insomma, sono state disattese”. Il consiglio comunale, oggi, ha quindi cercato di mettere una pezza a questo problema, attraverso l’approvazione di nuove tariffe minime per l’adesione al servizio pomeridiano – dalle 16 alle 18 – con l’obiettivo di esortare le famiglie ad assumere un impegno più vincolante, in caso di iscrizione al “tempo lungo”. Per la fasce a basso reddito, la quota per il rientro pomeridiano – approvata dal consiglio – ammonta indicativamente a 2,50 euro al mese.

Da qui la richiesta di Luigi Rabuffi (Piacenza in Comune) di eliminare il costo – seppur minimo – a carico delle famiglie in difficoltà economica: il suo emendamento è stato però respinto.

 

© Copyright 2021 Editoriale Libertà