Confesercenti: “Sostegni insufficienti: tante imprese rischiano di chiudere”

19 Marzo 2021

“Le notizie di stampa veicolate in questi giorni a proposito dei sostegni più volte promessi alle imprese che porterebbero a un contributo medio di 3.700 euro per circa tre milioni di imprese, ma con molte piccole imprese che dovranno accontentarsi di 2.mila euro, è una misura ampiamente insufficiente e che sa di presa in giro per migliaia di imprenditori a cui sono stati imposti sacrifici pesantissimi”.

È quanto si legge in una nota di Confesercenti Piacenza a commento delle notizie riportate dagli organi d’informazione sulle prime indiscrezioni rispetto al cosiddetto decreto sostegni che il Governo si appresterebbe ad approvare.

“La cifra individuata – interviene il presidente Nicolò Maserati – non servirebbe nemmeno a pagare i costi relativi allo smaltimento dei rifiuti, peraltro non prodotti, e le altre utenze dell’ultimo trimestre del 2020 e non aiuterà certamente le imprese a sopravvivere. Commercio non alimentare, ambulante e in sede fissa, bar ristoranti, imprese del turismo, organizzatori di eventi e del wedding, palestre e centri benessere, sono settori che occupano migliaia di addetti a cui è stato impedito di lavorare e produrre reddito con decreti e ordinanze e che adesso vengono ristorati con pochi spiccioli. Confesercenti non mancherà di far sentire la propria voce in tutte le occasioni per rivendicare il diritto di queste imprese alla sopravvivenza e alla gestione del proprio destino e chiedendo che a questo provvedimento ne seguano altri di misura più consistente”.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà