Stipendi dimezzati e rate saltate: la pandemia riduce anche in povertà

22 Marzo 2021

Basta poco per precipitare nel girone della povertà. Anche uno stipendio (su due in famiglia) dimezzato e due o tre rate importanti che inesorabilmente arrivano a fine mese e ti tagliano le gambe. Oppure il marito, dipendente di una impresa di escavazioni in giro per il mondo, bloccato all’estero perché l’azienda ha perso gran parte delle commesse e non ci sono i soldi per farlo rientrare.

Ecco due storie simbolo di come il Covid stia mietendo sempre più anche vittime economiche, costrette a rivolgersi, per sopravvivere, ai servizi di emergenza messi in campo sul territorio. Ad esempio all’Emporio solidale. Intanto la raccolta fondi indetta da Libertà per aiutare le strutture di emergenza della Caritas diocesana e gli hospice di Piacenza e Borgonovo ha raggiunto quota 35mila euro. Poiché una delle peculiarità dell’iniziativa è quella di aiutare subito, il più in fretta possibile, 28.900 euro (allo scorso 14 marzo) sono già stati consegnati ai destinatari: in particolare 15.100 ai due hospice e 13.800 alla Caritas.

Per contribuire alla raccolta di “Libertà per Piacenza”, nella causale del bonifico, si può scrivere “pro hospice” o “pro Caritas”. In caso di mancanza di indicazione la cifra viene divisa al 50%. Poiché gli hospice sono due si è deciso di distribuire i fondi raccolti a seconda dei posti letto di ciascuno. Il 62% della somma raccolta “pro hospice” andrà a quello di Piacenza, il 38% a quello di Borgonovo.

Il bonifico bancario è l’unica modalità per donare. Per ragioni di tracciabilità sono stati dunque esclusi il denaro contante così come gli assegni. Si deve effettuare un bonifico bancario sul conto corrente di Editoriale Libertà aperto al Crédit Agricole.

L’Iban è IT44I0623012601000032388125.

IL SERVIZIO COMPLETO DI FEDERICO FRIGHI SU LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà