Versa 600 euro di caparra per acquistare un’auto, ma il venditore scompare

28 Marzo 2021

Un’automobile ad un prezzo da occasione si è in realtà rivelata una fregatura per un 54enne di Travo che, dopo aver versato un primo acconto, è rimasto con un pugno di mosche in mano. Ancora una volta, il terreno preferito per i truffatori rimane quello sul web, dove le compravendite non conoscono limitazioni e “zone rosse”.
La denuncia è arrivata ai carabinieri di Rivergaro. Tutto è iniziato quando il 54enne, scorrendo su un noto sito di annunci utilizzato per vendere o comprare oggetti, si è imbattuto su un’offerta riguardante un’automobile. Il prezzo ha attirato il piacentino che ha deciso così di contattare il venditore per raggiungere un accordo. Una compravendita condotta apparentemente senza difficoltà, tanto che il venditore si è subito reso disponibile. Unica condizioni: il versamento di una caparra di 600 euro, tramite il caricamento di una scheda prepagata. Il travese ha seguito tutte le istruzioni ma da qual momento in poi ha perso i contatti con il venditore: in poco tempo è svanito non solo lo sconosciuto ma anche la possibilità di portare a casa quell’auto, se mai veramente esistita.
La compravendita è diventata così affare dei carabinieri di Rivergaro che hanno avviato le indagini per risalire all’identità dello sconosciuto venditore: si tratta di un 40enne tunisino che vive a Trento. L’uomo è stato quindi denunciato a piede libero per truffa.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà