Cà del Ponte, al via i lavori per la nuova rotatoria che “rallenta” la velocità

02 Aprile 2021

 

Limitare la velocità di percorrenza dell’arteria principale, la Statale 45; garantire la sicurezza dell’intersezione tra quest’ultima e la viabilità per le frazioni di Pittolo e San Bonico; ridurre i tempi di attesa in prossimità delle linee d’arresto delle strade comunali. Sono queste alcune delle principali finalità dell’intervento di realizzazione della nuova rotatoria a Cà del Ponte, all’incrocio, appunto, tra la Strada Statale 45 e le vie Galilei (verso la frazione di Pittolo) e Fornari (verso San Bonico), che prenderà il via nei prossimi giorni su progetto del Comune di Piacenza.

“E’ uno degli interventi di infrastruttura viabilistica più attesi e che avevamo messo tra le priorità per rispondere alle numerose richieste in tal senso degli abitanti della zona e di coloro che percorrono questo tratto stradale”, sottolineano il sindaco Patrizia Barbieri e l’assessore ai lavori pubblici Marco Tassi, ricordando come il complesso iter preparatorio abbia coinvolto diversi assessorati e uffici comunali. “Con l’inizio dei lavori – aggiungono – il progetto diventa finalmente concreto con l’obiettivo di realizzare una viabilità più sicura sia lungo la Statale 45, dove spesso vengono registrate velocità troppo elevate in prossimità della frazione di La Verza, sia per le strade di collegamento con Pittolo e San Bonico, da cui si potrà più agevolmente e con maggior sicurezza immettersi sulla viabilità principale”.

INTERVENTO DETTAGLI – L’intervento progettato, verificata la specificità dell’incrocio, consiste nella realizzazione di una rotatoria del tipo “compatto” con un diametro esterno di 40 metri e un nocciolo centrale di 23 metri, al fine di agevolare la percorrenza dei mezzi pesanti. Ne viene così ricavata una corona giratoria di 7 metri di larghezza a cui sono affiancate due banchine laterali di 1,5 metri. A delimitazione dell’isola centrale viene posto in opera un cordolo rastremato con un dislivello dal piano viabile di circa 4 centimetri. Saranno inoltre realizzate isole laterali, ove necessarie, con i classici cordoli in calcestruzzo, oltre a rimodulare le protezioni laterali (guard rail) in base al nuovo assetto viabilistico. Sul ponte che collega la SS45 con Pittolo, al fine di dare una risposta esaustiva alla osservazione della Soprintendenza in merito alla conservazione delle testimonianze storiche, è stata progettata la sostituzione dei parapetti esistenti con muretti rivestiti di mattoni pieni. Per quanto riguarda gli asfalti saranno in parte mantenuti gli esistenti e in parte realizzata una nuova bitumatura, con attenzione alla sagomatura adatta allo smaltimento delle acque meteoriche. L’illuminazione dell’intersezione sarà garantita dalla posa di una serie di punti luce posti lateralmente sui bordi esterni, garantendo uniformità nella visibilità sia di attraversamento sia di avvicinamento alla rotatoria. Per quanto riguarda l’arredamento e sistemazione a verde della zona, saranno realizzate le soluzioni più indicate, anche a seguito di continuo confronto con Anas, per rendere l’area della rotatoria sicura per la percorrenza e gradevole. Adeguatamente studiati, e conseguentemente progettati sono, infine, anche gli accessi privati, garantendo il mantenimento di quelli esistenti e rendendo completamente fruibile la rotatoria da tutti gli abitanti della zona.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà