Povertà da Covid, l’aiuto che arriva dai tappi: “Oltre cento quintali per fare solidarietà”

05 Maggio 2021

C’è una vera e propria filiera della solidarietà che non si ferma mai. “Anzi, in questo periodo c’è ancora più bisogno”, sottolinea il referente Carlo Ferrari. E’ la raccolta dei tappi e delle cassette di plastica promossa dalla Misericordia di Piacenza. In questi giorni, i volontari hanno preparato il materiale accumulato da gennaio ad oggi: “I rifiuti, rovesciati nei nostri cassonetti da parte dei cittadini – spiega Ferrari -, sono destinati a un’azienda di Sarmato che li ricicla e, in cambio, corrisponde una somma in denaro all’associazione”. La quale poi, in base alle necessità del territorio, compra presidi medici e sedie a rotelle per i bisognosi.

“Stavolta – specifica il responsabile dell’iniziativa – la Misericordia ha raccolto cento quintali di tappi suddivisi in cinquanta sacchi e ottanta balle di cassette di plastica compresse, da sessanta chili l’una. Il contributo erogato dalla ditta è di circa tremila euro”. Fondi che la Misericordia è pronta a utilizzare “anche per le borse di generi alimentari indirizzate ai poveri, purtroppo in costante aumento a causa della crisi da Covid“.

Ferrari ricorda ai piacentini la possibilità di consegnare tappi e cassette di plastica nel punto di via Braille alla Besurica. “Un particolare ringraziamento – conclude – va ai volontari Stefano, Luigi, Pietro, Sandro, Salvatore, Ivo e Nicoletta”.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI

© Copyright 2021 Editoriale Libertà