Case popolari sul Facsal senza pace: svuotati tutti gli estintori appena caricati

25 Giugno 2021

“Battaglia” alla schiuma nei sotterranei delle case popolari fra viale Patrioti e il Pubblico Passeggio. Al posto di pistole, sassi o bastoni, sono stati usati gli schizzi degli estintori delle numerose palazzine Acer. E’ accaduto nella sera di mercoledì 23 giugno. “Complessivamente hanno svuotato sei estintori”, spiega uno degli abitanti del quartiere . Un altro inquilino ha lamentato che questi estintori erano stati collocati nelle loro postazioni alle 17.30, e poco prima delle 20.00 avevano cessato le loro funzioni. Completamente svuotati fra schiamazzi, risate e rincorse nei sotterranei condominiali. L’esito della “battaglia” è ben visibile nella fotografia. I sotterranei interamente ricoperti da una specie di manto “nevoso” spesso almeno due o tre centimetri.

Gli abitanti di queste case comprensibilmente sconsolati hanno fatto sapere che circa un mese fa c’era stata una precedente “battaglia” e i vandali avevano svuotato tutti gli estintori. Così si era provveduto a collocarne di nuovi. Sono durati pochissimo, poco meno di due ore. La teppaglia ha infatti spaccato i contenitori degli estintori e poi si è data al divertimento spruzzando ovunque la schiuma anti incendio. La “gazzarra” sotterranea è durata pochi minuti e alla fine, le bombole svuotate, la polizia sul posto per i soliti accertamenti di rito. Le case popolari di viale Patrioti (da tempo segnalano gli abitanti) sono in balia di gruppi di vandali soliti stazionare dalle 8 di sera e fino alle 4 del mattino, sempre secondo i residenti tali gruppi si servirebbero di un cane da combattimento denominato “Demon”, senza museruola e senza guinzaglio per intimorire chiunque tenti di avvicinarsi a loro. I ragazzi dal canto loro hanno detto di non fare nulla di male, che Demon è il cane più buono del mondo e che se c’è qualche cosa che non va, la colpa e di certi ragazzi che vengono sul Pubblico passeggio ma che non vi abitano.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà