A S.Polo, quarantena prolungata per i profughi afghani. Saranno vaccinati

04 Settembre 2021

Quarantena prolungata per i 75 profughi afghani ospitati nell’ex base militare dell’aeronautica militare di San Polo (Podenzano). Il periodo di isolamento di dieci giorni doveva terminare ieri. Tuttavia il rilevamento, nei giorni scorsi, di due casi di positività al Covid-19 tra gli esuli ha di fatto portato a un prolungamento della loro permanenza nella palazzina “Aquila” (in quanto praticamente tutti i soggetti sono considerati contatti stretti) che si protrarrà almeno fino all’8 settembre.

L’Ausl ha fatto sapere che anche ieri i profughi sono stati sottoposti a tampone e che prosegue la sorveglianza sanitaria. L’azienda si sta inoltre attrezzando per vaccinarli contro il Coronavirus: la data prevista potrebbe essere il 9 settembre, il giorno successivo alla fine della quarantena. In tale ottica sono già stati contattati dei mediatori culturali che avranno il compito di interfacciarsi con i soggetti per spiegare loro i vantaggi della vaccinazione e illustrare i dettagli dell’operazione. Ad oggi, dunque, non è ancora chiara quale sarà la destinazione futura degli esuli.

IL SERVIZIO COMPLETO DI MARCELLO POLLASTRI SU LIBERTA’ IN EDICOLA

© Copyright 2021 Editoriale Libertà