“Verde Grazzano”, fiori al centro del borgo vigolzonese. C’era anche Gad Lerner

29 Settembre 2021

Foto Emilio Marina

Alla sua quarta edizione, l’iniziativa “Verde Grazzano” è tornata nel borgo vigolzonese per il fine settimana. La mostra internazionale florovivaistica si è tenuta nel parco del castello della famiglia Visconti di Modrone dove sono stati ospitati circa 40 produttori selezionati da tutta Italia, ma anche da Svizzera, Germania, Slovenia e Polonia, e professionisti del verde, come Carlo Contesso, autorevole garden designer, e Benedetto Camerana, architetto che ha progettato il giardino pensile più grande d’Europa al Lingotto, la grande fabbrica diventata “green”.

“Verde Grazzano” è diventato quindi un evento in grado di dare il suo contributo al tema della sostenibilità ambientale, molto caro ai promotori Luchino Visconti, Allegra Caracciolo e Federico Forquet. Una tre giorni che interessa al professionista del giardinaggio, ma anche a chi ha il “pollice verde” o semplicemente a chi apprezza il verde e le sue sfaccettature. Tra gli espositori, dalla Slovenia un piccolo vivaio che produce ciliegi da fiore giapponesi, dalla Germania una collezione unica di varietà di pomodoro. Da Gemona del Friuli i peperoncini piccanti, da Mantova un’infinita varietà di erbe aromatiche, da Latina le piante acquatiche ed una ricca collezione di ninfee tropicali. Dalla provincia piacentina, da San Protaso, olio, farina e caffè derivati dalla lavorazione di lino e canapa.

Numerosi i visitatori, tra cui anche il giornalista e conduttore tv Gad Lerner che ha trascorso la giornata di domenica con la famiglia Visconti di Modrone cui è legato da amicizia.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà