La casa di riposo “Verani” festeggia cent’anni. Messa con il vescovo Cevolotto

23 Novembre 2021

Il 21 novembre del 1921 al pio istituto “Prospero Verani” vennero accolti i primi otto ospiti: persone indigenti che non si sarebbero potute permettere assistenza e cura. A distanza di un secolo da quel giorno, domenica 21 novembre 2021, la casa residenza anziani (CRA) della Fondazione Verani Lucca ha accolto il vescovo Adriano Cevolotto per celebrare la memoria di quel giorno e dei tanti decenni che sono seguiti nell’assistenza dei malati e degli anziani. Cento anni fa l’ospizio si trovò ad operare in un realtà appena uscita dalla Grande guerra, oggi si costruisce dopo la pandemia.

Al Verani giovedì hanno ricevuto la terza dose tutti i 140 anziani e anziane ospiti. Si concluderanno entro la settimana le vaccinazioni al personale, che conta su 130 persone.

Dopo la visita alla struttura, Cevolotto ha celebrato la messa del ricordo in Collegiata, dedicata ai benefattori della Fondazione, ma anche alla memoria di coloro che ci hanno lasciato a causa della pandemia. La messa è stata introdotta dai ringraziamenti del presidente della Fondazione Verani Lucca, FrancescoBoscarelli.

Tutti i dettagli nell’articolo su Libertà a firma di Donata Meneghelli

© Copyright 2022 Editoriale Libertà