Polizia locale, si cerca una nuova casa per Ector. “Ora il cane è a Reggio Emilia”

16 Gennaio 2022

Cercasi una nuova casa per Ector. Il neocomandante della polizia municipale di Piacenza Mirko Mussi vorrebbe valorizzare al meglio il cane in dotazione alle pattuglie, sul fronte della sicurezza urbana. Ecco perché l’ipotesi è di “creare un canile ad hoc, una sorta di rifugio, per l’unità cinofila all’interno della palazzina comunale in via Boselli che già ospita altri uffici. Uno spazio – specifica Mussi – in cui l’animale possa vivere e dormire in una condizione di massimo benessere, nonché essere subito a disposizione delle forze dell’ordine per qualsiasi necessità di intervento”.

Oggi il cane Ector – “assoldato” dalla giunta Barbieri per favorire il contrasto allo spaccio di stupefacenti e già nel mirino di molte polemiche per i costi di gestione – abita insieme all’agente Claudia Celentano, che ne è responsabile e conduttrice addestrata. Da metà dicembre, però, l’addetta della polizia municipale è impossibilitata al lavoro in maniera temporanea, e il pastore tedesco è stato dunque portato in un allevamento a Reggio Emilia, dove tuttora si trova – da circa un mese – in attesa che la sua “spalla” (umana) rientri in servizio.

“Affinché, d’ora in poi, l’unità cinofila non dipenda solo dalla disponibilità di un agente – comunica il comandante – è necessario preparare altri operatori di polizia locale alla conduzione di Ector. Ho individuato due colleghi pronti a intraprendere questo percorso, perciò ho chiesto all’amministrazione comunale un impegno di spesa di circa seimila euro per avviare la loro formazione, che potrebbe durare dai tre ai sei mesi. Le risorse erogate da palazzo Mercanti, inoltre, serviranno a finanziare un corso di aggiornamento per l’animale, in modo che si specializzi anche sul soccorso. Dal momento in cui gli agenti responsabili di Ector diventeranno tre – puntualizza Mussi – sarà importante disporre di un rifugio in cui ospitarlo. Si valuta di allestirlo nella sede di via Boselli”.

IL SERVIZIO DI THOMAS TRENCHI:

© Copyright 2022 Editoriale Libertà