Contro discriminazioni e abusi: il Comune aderisce al progetto Le Città delle donne

03 Febbraio 2022

La giunta comunale ha deliberato, nei giorni scorsi, l’adesione al progetto “Le Città
delle Donne”, nato a Matera nel 2019 durante gli eventi realizzati nell’allora Capitale
italiana della Cultura, con l’intento di costituire una rete nazionale che unisse grandi
città e piccole municipalità, accomunate dall’impegno per ridisegnare il territorio
urbano e i servizi alla collettività in una prospettiva al femminile.

“Abbiamo accolto volentieri l’invito dell’imprenditrice Nadia Bragalini – sottolineano il sindaco Patrizia Barbieri e l’assessore alle pari opportunità Federica
Sgorbati – nominata qualche mese fa ambassador del progetto in ambito nazionale, approvando il Manifesto che racchiude i principi fondanti dell’iniziativa, perché anche la nostra Amministrazione li condivide e li promuove nella quotidianità. A cominciare dalle attività volte a prevenire e contrastare ogni forma di violenza, abuso, discriminazione o esclusione sociale basata sul genere, sino all’ideazione di strumenti e forme di sostegno che favoriscano la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, incentivando l’occupazione femminile e valorizzando il protagonismo delle donne”.

“Gli obiettivi del progetto – affermano Isa Maggi, coordinatrice degli Stati Generali
delle donne e Nadia Bragalini – sono realizzabili con azioni concrete e positive,
attente a sensibilizzare a tutti i livelli le politiche al femminile, incoraggiare,
supportare e accompagnare attivamente la ricerca di soluzioni contro gli squilibri di
genere nel mondo del lavoro, aumentando e sostenendo la presenza delle donne in
tutte le sfere della società. Questo significa anche ricostruire le città e i paesi perché
siano più vivibili, sostenibili, accessibili, sicuri, flessibili, aperti, solidali e capaci di
accogliere, mettendo sempre al centro il rispetto. Le risorse e le competenze presenti
all’interno degli Stati Generali delle donne – aggiungono – saranno di supporto
all’Amministrazione comunale. E’ un progetto ambizioso, sul quale abbiamo pensato
di coinvolgere anche i cittadini, per raggiungere risultati di cui possa beneficiare tutta
la collettività”.

Tra i punti cardine del manifesto approvato dalla Giunta, oltre agli ambiti già citati,
rientrano tra gli altri aspetti l’implementazione della medicina di genere, nonché
percorsi di educazione all’affettività già a partire dall’infanzia, nell’intento di superare
stereotipi e pregiudizi, insegnando a leggere le immagini e le parole nel rispetto del
corpo femminile. “I contenuti di questo progetto – chiosano il sindaco Barbieri e l’assessore Sgorbati – prendono in esame i bisogni e le attese della società
contemporanea a 360 gradi, puntando alla meritocrazia, all’uguaglianza intesa come
tutela dei diritti fondamentali della persona e pari accessibilità a servizi e opportunità
di crescita formativa e professionale. Dall’idea di un incubatore d’impresa che possa
valorizzare i talenti delle donne nei settori tradizionalmente più affini alle loro
attitudini, alla necessità di dare una spinta all’innovazione e alle competenze tecnicoscientifiche tra le giovani che si affacciano a importanti scelte scolastiche e di
carriera: in questo impegno ad ampio spettro c’è un cammino che il Comune di
Piacenza è orgoglioso di poter fare anche proprio, in sinergia con tante altre città
italiane, affinché si possa portare un valore aggiunto in tanti comparti diversi, dalla
rigenerazione urbana alle politiche socio-economiche”.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà