Le ricerche scientifiche condotte nella pandemia al centro di un convegno

27 Aprile 2022

“Ricerca e innovazione ai tempi del Covid-19” è il titolo del convegno, organizzato dall’Ausl di Piacenza, Cipomo (Collegio italiano dei primari oncologi medici ospedalieri) e Amop (Associazione piacentina malato oncologico), con l’obiettivo di fare il punto su ciò che è stato fatto negli ultimi due anni dal punto di vista della ricerca e della pubblicistica medico-scientifica.

Anni profondamente segnati dal Covid, con la pandemia che se da un lato ha messo a dura prova gli operatori sanitari, dall’altro ha consentito alla ricerca di compiere importanti passi avanti. Il tutto in un periodo storico particolarmente importante, dal punto di vista sanitario, per la nostra città e più in generale la nostra provincia, con l’avvio di un corso di medicina in lingua inglese attivato dall’Ateneo di Parma con la collaborazione dell’Ausl e del Comune di Piacenza.

“Durante il Covid – spiega Luigi Cavanna, primario di Oncoematologia all’ospedale di Piacenza – gli operatori sanitari, gli infermieri, gli oss e i medici hanno fornito risposte davvero molto importanti. Per questo abbiamo voluto raccogliere, insieme a tutti i colleghi, le ricerche compiute nel periodo della pandemia, dal 21 febbraio fino al 31 marzo 2022. Tutte le unità operative presenteranno le ricerche pubblicate su riviste censite. L’intenzione è quella di raccoglierle in un libro”.

Nel primo incontro, che si è svolto ieri in Sala Colonne, si è parlato delle ricerche in pediatria, in chirurgia e ortopedia, in radiologia, in onco-ematologia/malattie infettive, in Terapia intensiva e fisiatria.

© Copyright 2022 Editoriale Libertà