Amante ricatta datore di lavoro: condannata in primo grado, lui poi la “perdona”

15 Maggio 2022


Una 40enne dipendente di una azienda era stata condannata lo scorso anno dal tribunale di Piacenza a 3 anni e 4 mesi per aver estorto 30mila euro all’ex datore di lavoro 80enne. Ora la donna è stata prosciolta dalla Corte d’Appello a di Bologna.
L’ex datore di lavoro ha infatti ritirato la querela e il giudice bolognese ha prosciolto per non doversi procedere. I fatti erano avvenuti a Piacenza alcuni anni fa. Tutto era cominciato quando una quarantenne dipendente piacentina aveva chiesto al suo datore di lavoro, anch’egli piacentino, 150mila euro dietro la minaccia di rivelare la sua relazione con l’uomo alla famiglia di lui.

TUTTA LA STORIA NELL’ARTICOLO DI ERMANNO MARIANI SU LIBERTA’

© Copyright 2022 Editoriale Libertà