Insulti al supermercato perché nero. “Ti faccio fare la fine di quello di Civitanova”

01 Agosto 2022

Ha il terrore di un’altra Civitanova Marche, “Anche quest’uomo aveva una cattiveria addosso inspiegabile”, dice, raccontando accanto alla compagna, anche lei testimone, quel che è accaduto ieri mattina intorno a mezzogiorno alla cassa di un supermercato alla Farnesiana e che è stato segnalato al 112, dopo un altro episodio analogo nei giorni scorsi davanti a un altro negozio del quartiere.

“C’erano almeno altre quindici persone oltre a noi, quando un signore tra i 50 e i 60 anni ha verbalmente aggredito senza motivo una persona di colore”.
“Negro di m…”, gli ha detto alzando la voce, e ancora “Attento che ti faccio fare la fine di quello di Civitanova”, riferendosi al comune del Maceratese dove l’operaio Filippo Ferlazzo ha ucciso a mani nude in strada l’ambulante Alika Ogorchukwu.

Tre minuti di agonia e una violenza esplosa all’improvviso: per questo chi racconta quanto accaduto al supermercato ha paura, “Non sai cosa aspettarti, ci sono persone che sono bombe ad orologeria”, spiega. “In quel supermercato nessuno è intervenuto per aiutare la persona presa di mira, io ci ho provato, ho detto “Basta”, e lui se l’è presa anche con me. Ho preferito allora parlare con il signore di colore e rincuorarlo, gli ho detto di non aver paura, gli ho detto che io c’ero”.

Il servizio completo di Elisa Malacalza su Libertà 

© Copyright 2022 Editoriale Libertà