Il ponte di Travo è “malato”. Via al progetto per il maxi cantiere da 2,4 milioni

06 Settembre 2022

Sarà uno degli interventi salva-ponti più economicamente rilevante, due milioni e 400mila euro, messi con urgenza a disposizione del ponte all’ingresso di Travo, sulla strada 40, tra quelli che hanno decisamente lasciato perplessi i tecnici durante i test voluti dalla Provincia per indagare massicciamente sulla sicurezza dei viadotti.

Serve ovviamente un progetto definitivo ed esecutivo: la stesura, come si apprende dalla delibera del dirigente della Provincia Davide Marenghi, è stata affidata al raggruppamento temporaneo di professionisti formato dallo Studio ingegner Giorgio Enrico Nieri di Milano, da Bmb Ingegneria di Monza Brianza e dallo Studio di architettura Giovanni Battista Menzani” di Piacenza, per un importo totale per l’incarico di 167.222 euro.

Obiettivi nel progetto: risolvere le criticità emerse su pile, fondazioni, giunti, mettere in sicurezza il ponte, migliorarne la fruibilità.

La Bmb Ingegneria è la stessa società che nel 2021 aveva presentato relazioni sulle verifiche fatte al ponte: e dopo queste era stato subito disposto il divieto di transito ai veicoli con massa a pieno carico superiore alle 26 tonnellate. Al momento è in corso di conclusione la messa in sicurezza della seconda pila, con il ripristino dei calcestruzzi, per un totale di 150mila euro.

Il servizio di Elisa Malacalza con le foto di Pietro Zangrandi oggi su Libertà

© Copyright 2022 Editoriale Libertà