Fine mandato

Confagricoltura Piacenza, Gasparini: “Valori saldi nonostante la prova”

7 ottobre 2020

 

Maggior sinergia con il quartier generale di Palazzo della Valle e una modifica della durata in carica degli organi direttivi che avranno mandato quadriennale e saranno rieleggibili consecutivamente solo per un secondo quadriennio, proprio come quelli di emanazione nazionale. Si tratta sostanzialmente di un cambio statutario al fine di adeguare norme e funzionamento dell’associazione territoriale a quanto stabilito a livello nazionale. E’ l’esito dell’assemblea generale straordinaria di Confagricoltura Piacenza, che si è tenuta nella mattinata di mercoledì 7 ottobre.

Subito dopo si è svolta l’assemblea ordinaria, inizialmente programmata per la scorsa primavera; fissata anche la data delle prossime elezioni: si terranno l’11 novembre, a distanza di un anno preciso dalla celebrazione del centenario.

Il presidente Filippo Gasparini, giunto alla fine del primo mandato, ha tracciato un bilancio di questi tre anni. “Se tra cent’anni qualcuno guarderà indietro per rileggere la storia della nostra associazione vedrà, in questa parentesi di tempo, due macro eventi, molto diversi: il centenario e la pandemia da Covid-19. I nostri valori celebrati e ricordati nel centenario sono ancora saldi e lo abbiamo visto anche nel come le nostre imprese e la nostra associazione hanno reagito alla pandemia. L’associazione è stata consolidata, potenziata, mantenendosi allo stesso tempo solida e con i conti in ordine. Il mio grazie va a tutta la squadra dei collaboratori che ha assecondato il cambiamento e soprattutto ha retto nel migliore dei modi quando a marzo di quest’anno si è vista piombare addosso il lockdown”.

Nella sua relazione il presidente ha poi passato in rassegna la tematiche che hanno particolarmente impegnato l’associazione: acqua, fauna selvatica, normative e burocrazia. Attenzione anche per le specificità dei singoli comparti in un articolato intervento che non ha guardato solo al passato, ma anche agli obiettivi futuri. “Dal punto di vista sindacale, non c’è un argomento che riguardi l’agricoltura sul quale abbiamo taciuto, non c’è un tavolo istituzionale al quale non ci siamo seduti. Abbiamo cercato di portare avanti la difesa degli imprenditori agricoli anche attraverso azioni dedicate alle problematiche degli specifici comparti, come la battaglia serrata affinché le quote produttive di Grana Padano venissero assegnate direttamente agli allevatori, o, quanto meno, questi potessero avere una loro rappresentanza diretta nel Consiglio del Consorzio di Tutela. È stata una stagione di proposte che non ritengo ancora esaurita, a riprova della validità della nostra istanza porto ad esempio quella analoga presentata a livello nazionale per la produzione dei prosciutti Dop. Noi ci siamo, non solo nei nostri campi, ma anche a fare da pungolo e da facilitatori a un cambiamento epocale che la pandemia ha reso improcrastinabile e che deve rimettere al centro l’uomo, il suo valore, e il suo dovere di governare il creato, proprio come abbiamo detto in occasione del nostro centenario. Pretendiamo che la centralità del nostro settore, non a caso denominato primario, sbandierata nel momento più difficile, venga riconosciuta anche dall’agenda politica ed economica, pretendiamo che si prenda coscienza delle vere priorità della società e che conseguentemente si agisca”.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Economia e Politica Provincia

NOTIZIE CORRELATE