Copra Elior, saltano le vacanze di Pasqua: con Sir Safety Perugia serve la “bella”

16 Aprile 2014

20140416-220854.jpg

La seconda finalista scudetto uscirà dal confronto tra Copra Elior e Sir Safety Perugia di lunedì prossimo al Palabanca. Gli umbri allungano la serie alla quinta partita dopo un altro match, il terzo consecutivo, che viene deciso al tie break. Sfuma l’opportunità per Copra Elior di chiudere in anticipo i giochi. Ulteriore nota stonata, l’infortunio occorso al libero biancorosso Davide Marra, sostituito nel corso del match da Lorenzo Smerilli. Nella bolgia del Pala Evangelisti, Perugia dimostra una volta di più di il proprio valore: lunedì servirà la versione migliore del Copra Elior per centrare la finalissima con Lube Macerata.

SIR SAFETY PERUGIA-COPRA ELIOR PIACENZA 3-2 (25-20; 18-25; 25-23; 19-25; 15-8)

Aggiornamento quarto set
Anche gara 4 si decide al tie break. È il muro poderoso di Robertlandy Simon a mettere a terra il pallone del 19-25 che vale il 2-2 in un set dominato da Copra Elior. Molto positivi Zlatanov e anche Vettori tornato a picchiar duro e ad altezze consone alla fama del bomber azzurro.

Aggiornamento quarto set
Copra Elior è sotto 2-1: il terzo set vede la squadra di Monti in notevole difficoltà sotto i colpi di “Magnum” Atanasijevic. Davide Marra esce definitivamente di scena mentre Perugia allunga e nonostante il recupero nel finale di frazione, Sir Safety Perugia chiude 25-23.

Aggiornamento secondo set
Arriva la reazione di Copra Elior che, grazie ad un muro che torna a funzionare a dovere, fa suo il secondo set e rimette in equilibrio la partita: termina con un netto 18-25. Unica nota negativa, l’uscita dal campo di Marra per infortunio: in campo il libero di riserva Smerilli.

Aggiornamento primo set
Piacenza, dopo una discreta partenza che ha visto i biancorossi in vantaggio sui padroni di casa, subisce il ritorno della squadra di Kovac favorito anche dalle difficoltà in ricezione di Zlatanov e soci. Termina 25-20 in favore di Sir Safety Perugia: il match di Copra Elior parte con il piede sbagliato.

Notizia delle 20.30
Sir Safety Perugia e Copra Elior sono in campo per gara-4 della semifinale scudetto: i piacentini, in vantaggio per 2-1 nella serie, con una vittoria guadagnerebbero l’accesso alla finalissima. Nessuna sorpresa nei sestetti titolari: Monti schiera De Cecco in regia con Vettori opposto; Fei e Simon al centro, Zlatanov e Papi sono di banda con Marra libero.

Notizia delle 9
Questa sera alle 20.30, in un Pala Evangelisti che si preannuncia infuocato, Copra Elior proverà a strappare il pass per la finale scudetto. Ad attendere c’è Lube Macerata, ma superare l’ostacolo rappresentato da Sir Safety Perugia non sarà affatto agevole. Lo si è capito nel corso della serie che vede la squadra di Monti in vantaggio per 2-1 grazie al successo ottenuto sabato scorso al Palabanca, al termine di un tie-break per cuori forti.

Gli umbri attraversano un ottimo momento e giocatori del calibro di Vujevic e soprattutto di bomber Atanasijevic ha dimostrato di saper mettere in difficoltà la ricezione biancorossa. C’è però un Copra Elior che, dalla sua, può vantare esperienza da vendere e che sa come gestire situazioni “calde” come quella che i vicecampioni d’Italia affronteranno questa sera in un match da non sbagliare. Non ci sono grossi dubbi di formazione, visto che Vettori, nonostante la prova non del tutto soddisfacente di gara-3, sarà al suo posto a formare la diagonale con De Cecco. Anche Papi sembra in grado di superare i guai al ginocchio che lo hanno limitato sabato.

Anche dall’altra parte della rete tutto confermato: per cercare di allungare la serie alla decisiva “bella”, prevista per il “lunedì dell’Angelo” al Palabanca, Kovac punterà sulla diagonale tutta serba composta dal regista Mitic e da Atanasijevic nel ruolo di opposto; Buti e Barone saranno i centrali, mentre il “vecchio” Vujevic e “Drago” Petric agiranno in banda con Giovi libero.
Copra Elior farà di tutto per chiudere i discorsi a Perugia e trascorrere così una Pasqua tranquilla, lontano dal parquet del palazzetto.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà