Piacenza

Maccoppi a ZC ricorda la A: “Quando strappavamo il pigiama a Iacobelli”

28 dicembre 2015

piacenza-calcio-promosso-in-serie-A

Dieci anni di storia gloriosa in un’ora e mezza di aneddoti, interviste dell’epoca e ricordi di coloro che il Piacenza in serie A, l’hanno vissuto in prima persona. La puntata speciale di Zona Calcio che chiude l’anno della fortunata trasmissione di Telelibertà, ha acceso i riflettori sull’era più radiosa di una squadra che, dal 93 al 2003, ha entusiasmato un’intera città.

Allo Spazio Rotative, oltre a Paolo Gentilotti e Corrado Todeschi, che ogni lunedì affiancano Nicoletta Marenghi nella disamina del week end del pallone, c’erano anche Marco Villaggi e, direttamente da Sky, Alessandro Biolchi: con loro è partito il viaggio a ritroso nel tempo che ha visto coinvolti i veri protagonisti, sia sul campo che fuori.

A cominciare da Gianni Rubini, per decenni dirigente che ha fatto parte dell’epopea della famiglia Garilli alla guida di una società che, con l’avvento di Gigi Cagni in panchina, ha dato avvio all’incredibile scalata alla massima serie. Proprio il tecnico bresciano è intervenuto telefonicamente nel corso della puntata, ricordando i bei tempi andati e della sua prima volta allo stadio della Galleana: “Il direttore Marchetti mi invitò allo stadio per assistere ad una partita – ha detto il mister – e mi spedì in gradinata dove mi accomodai con la mia famiglia, coperto da un cappellino. Alla fine del primo tempo, un tifoso del Piacenza si girò verso di me e disse “Eccolo qua il prossimo allenatore del “Piaseisa””.

Si è aperta anche una finestra sull’attuale Piacenza, con una simpatica intervista doppia ai fratelli Gatti, presidenti del club ripartito dai dilettanti e ora ad un passo dalla Lega Pro. E poi i racconti di campo di Gianfranco Luporini, vice di Rumignani e poi responsabile del settore giovanile che ha spiegato il retroscena per arrivare al tesseramento dell’allora promessa Daniele Cacia, o di quando riuscì a smarrirsi proprio con Rumignani nei boschi di Serina, storica sede dei ritiri estivi dei biancorossi.

Proprio dai ritiri prepartita arriva l’aneddoto più esilarante: è Bobo Maccoppi, indimenticato difensore del Piacenza anni ’90, a svelarlo. “A Cosenza, prima della gara decisiva, molti di noi “scapparono” dall’albergo e rimasero a zonzo fino a tarda notte – ha detto l’ex stopper che ha aggiunto ulteriori particolari -. La sera prima delle gare ci trovavamo tutti nella camera di Ferrazzoli per mangiate una crostata: una volta terminato, strappavamo letteralmente di dosso il pigiama a Iacobelli. Erano pigiami orribili, meritavano quella fine”.

Un clima cameratesco che traspare e che è stato il segreto di quel grande Piacenza, seguito in ogni angolo d’Italia dai tifosi: sono stati i fratelli Reboli, con un’altra intervista doppia a portare in studio la voce dei supporters che hanno eletto, con un plebiscito, Leonardo Garilli come simbolo di quel Piace da sogno.

Le repliche andranno in onda mercoledì 11.00; giovedì 10.45, 23.00; venerdì 9.30; sabato 17.00.

 

Notizia delle 6
E’ una puntata speciale quella di Zona Calcio in onda alle 20.45 di questa sera su Telelibertà. La Lega Pro e i campionati dilettanti sono fermi per la sosta natalizia e la trasmissione sportiva ha deciso di fare un regalo ai suoi telespettatori: un Amarcord interamente dedicato al Piacenza Calcio nel periodo di massimo splendore, ovvero dal 1993 al 2003 quando i biancorossi hanno disputato 8 campionati in serie A.

Durante la puntata speciale, condotta da Nicoletta Marenghi dallo Spazio Rotative, vedremo le immagini della storica promozione del 13 giugno 1993 quando tutta la città scese in piazza e poi attese allo stadio il ritorno della squadra da Cosenza dove aveva conquistato il traguardo per la prima volta dalla fondazione datata 1919. A raccontare i retroscena, gli aneddoti e le curiosità dell’epoca in rappresentanza dell’indimenticata formazione biancorossa ci sarà Stefano “Bobo” Maccoppi. Accanto a lui, dalla Toscana arriverà Franco Luporini che per anni è stato prima allenatore e poi responsabile del settore giovanile. Il mister ha visto crescere giocatori come i fratelli Inzaghi e Gilardino e racconterà pregi e difetti dei suoi ragazzi.

Non poteva mancare ovviamente Gianni Rubini, ex dirigente biancorosso che per Zona Calcio ha curato le pillole di Amarcord andate in onda il lunedì con i protagonisti delle stagioni d’oro del Piace. Con Maccoppi, Luporini e Rubini sarà presente un team di giornalisti che ha seguito le partite negli stadi di tutta Italia: per Libertà sono presenti Paolo Gentilotti, Marco Villaggi e Corrado Todeschi mentre direttamente da Sky arriverà Alessandro Biolchi che per anni ha condotto ed è stato opinionista di Zona Calcio su Telelibertà. L’allenatore più amato, Gigi Cagni, interverrà telefonicamente durante la trasmissione. Rivedremo alcuni stralci di interviste rilasciate nel 1998 e nel 2000 da Stefano e Fabrizio Garilli. Ascolteremo i ricordi della gente comune, quelli dello storico magazziniere Fausto Ragalli che da oltre 20 anni è il custode dello stadio Garilli, del presidente del Coordinamento Club biancorossi Giancarlo Piva e poi le irresistibili interviste doppie ai fratelli Marco e Stefano Gatti, attuali presidenti del Piacenza; ai fratelli Davide e Marco Reboli storici ultrà biancorossi e a Stefano Carini e Giorgio Lambri rispettivamente neodirettore e capocronista di Libertà.
La regia è affidata a Giuseppe Piva, l’editing a Matteo Capra. I cameraman sono Massimo Ceresa e Davide Franchini mentre al controllo camere c’è Francesco De Stefano. Una puntata decisamente da non perdere per fare un tuffo nel passato e rivivere quei momenti emozionanti in grado di mettere ancora i brividi a 20 anni di distanza. L’opera ineguagliabile dell’ingegner Leonardo Garilli è ancora viva nella mente dei piacentini.

Le repliche andranno in onda Martedì 9.00, 17.00; Mercoledì 11.00; Giovedì 10.45, 23.00; Venerdì 9.30; Sabato 17.00.

© Copyright 2020 Editoriale Libertà

categorie: Foto Gallery Piacenza Provincia Sport Video Gallery

NOTIZIE CORRELATE