A Fuori Sacco, la filiera del latte: prezzi giù e sempre meno stalle

27 Aprile 2016

fuori sacco (3)

I prezzi sono crollati. I produttori stranieri, però, sono aumentati. A Piacenza, le stalle sono calate del 20 per cento in dieci anni. Oggi sono 340 quelle sopravvissute.

Gli ospiti di “Fuori Sacco”, in diretta su Telelibertà intervistati dal direttore Nicoletta Bracchi e dal giornalista Michele Rancati, hanno analizzato un settore che “pensa di sopportare tutto questo, ma non si sa ancora se per molto tempo” come spiegato da Filippo Gasparini di Confagricoltura.

A causa dell’invasione dei prodotti esteri e della sottovalutazione nei prezzi del latte made in Italy, vi sono almeno 30 milioni di euro persi nella filiera piacentina. Eppure il latte, ascoltando la dottoressa Mara Negrati dell’Ausl di Piacenza e il ricercatore dell’Università Cattolica Filippo Rossi, fa bene.

E c’è anche il versante sociale da non sottovalutare: “Chiudere una stalla significa il venire meno di un presidio sul territorio” ha sottolineato Giampaolo Maloberti, del consorzio Carne Piace. Il prezzo del latte fresco aumenta più di quattro volte dalla stalla allo scaffale, con un ricarico del 317%. “Paghiamo una serie di inefficienze lungo tutto il percorso” hanno spiegato Giancarlo Pedretti del Consorzio Grana Padano e Roberto Arata direttore Piacenza Latte.

La puntata di Fuori Sacco andrà in replica domani alle 17 e alle 23, sabato alle 11 e alle 20.30, domenica alle 13 e alle 20.05.

© Copyright 2021 Editoriale Libertà